Availability

We are sorry, there are no rooms available at this accommodation at the moment

General

Nel cuore di Roma, affacciato sulla splendida Piazza Barberini, ai piedi di Via Veneto, la strada della Dolce Vita, l’Hotel Bernini Bristol si rivela un museo dentro al museo vivente, quale è Roma.

Lo spettacolo unico di fontane e strade secolari, tetti e cupole dietro cui il languido sole romano si nasconde al calar della sera che si rimirano dalle vetrate dell’hotel fanno da magnifica cornice ad interni raffinati in stile d’epoca.

Camere dall’atmosfera classica, o linee e geometrie dal gusto contemporaneo, le camere del Bernini Bristol sono personalizzate secondo stili ed epoche che spaziano tra i secoli per soddisfare tutte le esigenze.

127 camere e suite, alcune con balcone, ma tutte con una vista sugli angoli segreti di Roma, dotate di tutti i comfort per rendere l’esperienza indimenticabile.

Ed una Suite, la Presidenziale, con la sua immensa terrazza da cui esprimere un desiderio guardando le stelle cadenti immersi nella Jacuzzi, o regalarsi un momento di relax nel bagno turco e ricaricarsi di energia nell’area fitness.

Facilities

  • Aria condizionata
  • Canali satellitari
  • Cassaforte
  • Lounges/bars
  • Riscaldamento
  • Ristorante
  • Servizio in camera/menu completo
  • Servizio lavanderia
  • Servizio navetta areoporto
  • Servizio stireria
  • WIFI

Attività

- sauna - palestra - spa & centro benessere - massaggi - hammam - piscina al coperto (stagionale)

Roma

Roma

Unica ed inimitabile, classica e metropolitana. Caput mundi e capitale d’Italia, ancora conserva i segni delle battaglie, conquiste e sconfitte che l’hanno resa grande e piena di quel fascino d’altri tempi. All’avanguardia e multietnica, colta, bellissima e piena di spirito d’iniziativa riesce sempre a reinventarsi e a stupire. Romantica, sognatrice, generosa e solare, sa conquistare anche i cuori più duri e ha sempre tanto da offrire. Dal Colosseo a Piazza San Pietro, dalla Fontana di Trevi a Piazza di Spagna, da Castel Sant’Angelo al Pantheon, dalla buona cucina all’alta moda, dal calcio ad ogni genere di espressione artistica, la “Città della lupa” è un inno e un invito alla pienezza e al godimento puro della vita.

Vivere a Roma da anni e non conoscerla è una sensazione comune forse anche a chi nella capitale d’Italia è nato. Secoli di storia, battaglie, conquiste, re, imperatori e papi l’hanno forgiata, impreziosita, governata, dominata, distrutta e ricostruita. Templi, chiese, basiliche, piazze, fontane, musei, parchi e storici palazzi la rendono testimone e custode del genio di Masaccio e Masolino, Leon Battista Alberti, Gian Lorenzo Bernini, il Beato Angelico, Piero della Francesca, Pinturicchio, Botticelli, Bramante, Raffaello e Michelangelo. Opere d’arte dal valore inestimabile, un centro storico che, insieme a Città del Vaticano e alla Basilica di San Paolo fuori le mura, è stato inserito nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Che siano tre giorni, tre mesi o tre anni, nella Città Eterna non si corre il rischio di essere sopraffatti dalla noia.
In quel che è un vero e proprio museo all’aria aperta, le cose da fare e vedere rispondono alle curiosità ed esigenze di tutti: mondani o classici, che si preferisca il percorso culturale ai locali alla moda e alle boutique delle vie del centro, da Piazza di Spagna al Colosseo, dal Pantheon all’Altare della Patria, da Castel Sant’Angelo a Piazza San Pietro, da Fontana di Trevi a Trastevere, anche il turista più distratto non può che essere catturato e ammaliato da tanta bellezza e il giorno della partenza sempre più duro da mandar giù.

Fotogenica e inimitabile, ben si presta a far da set per numerosissimi film italiani e stranieri e il rischio di assistere inconsapevoli, mentre si passeggia con il naso all’insù, ad una scena in azione è molto probabile. E perché non concedersi, allora, in quella che è la Hollywood nostrana, la sensazione di essere, almeno per un giorno, l’Audrey Hepburn e il Gregory Peck di Vacanze Romane, affittando una Vespa o gustando un buon gelato sulla scalinata di Piazza di Spagna? O perché non rivivere o quasi la famosissima scena de La Dolce Vita di Fellini, gettando la monetina nella Fontana di Trevi?

Se invece si è tifosi sfegatati, e magari della Roma, perchè non concedersi un biglietto e sostenere la propria squadra del cuore allo stadio Olimpico? Per i più pigri, niente paura: si può sempre sorseggiare un buon espresso o godersi un buon piatto, seduti all’aperto, finchè si ha voglia.


Read more